Home Bandi

0 351

Con determinazione dirigenziale del 22 settembre, la regione dell’Umbria ha sancito la possibilità per i  beneficiari di domande presentate a decorrere dalle  annualità 2015, 2016 e 2017 nell’ambito del PSR 2014/2020 a valere sulle  Misure M10.1 – “ pagamenti agro-climatico-ambientali”  – ed M11 – “Agricoltura biologica” – , di trasferire, totalmente o parzialmente, l’impegno sulla sottomisura 8.1 – intervento  8.1.1 – “sostegno alla forestazione e all’imboschimento” a decorrere dalla data del 15 giugno 2018.

Chi fosse interessato può prendere contatto con il tecnico CAA di riferimento presso l’ufficio zona di Confagricoltura al quale si rivolge abitualmente.

0 477

Pubblicato l’avviso pubblico concernente modalità e criteri per la concessione degli aiuti previsti dalla MISURA 3 – Regimi di qualità dei prodotti agricoli e alimentari (Art 16 del Reg. (UE) n. 1305/2013).
Sottomisura 3.1 – Intervento 3.1.1 – Sostegno alla nuova partecipazione a sistemi di qualità.

Scarica il bando completo

0 376

Il GAL Valle Umbra e Sibillini, in attuazione del PSR dell’Umbria 2014-2020, Misura 19 – Sottomisura 19.2 – Azione 19.2.1.04 del Piano di Azione Locale “Due Valli: un territorio”, tramite avviso pubblico intende finanziare interventi finalizzati al mantenimento e valorizzazione della fascia collinare olivata compresa nella dorsale Assisi-Spoleto.
Il termine entro il quale vanno presentate le domande di sostegno è il 24/11/2017.

Scarica l’avviso e la documentazione per la presentazione

0 427

Pubblicato il bando di evidenza pubblica relativo alla  MIS 8.1 – intervento 8.1.1 “Sostegno alla forestazione e all’imboschimento” del PSR per l’Umbria 2014-2020

La scadenza per la presentazione delle domande di sostegno è fissata al 29 settembre 2017.

Sono disponibili, al seguente indirizzo internet, i fac- simili degli allegati da presentare alla domanda di sostegno:

http://www.regione.umbria.it/agricoltura/misura8/sottomisura8.1

 

0 617

Pubblicato il nuovo bando regionale per la Ristrutturazione e la Riconversione dei Vigneti.

Beneficiari sono gli imprenditori agricoli titolari di P. IVA con codice agricolo, iscritti alla C.C.I.A.A. nel registro imprese agricole, che abbiano costituito e aggiornato il fascicolo aziendale e che abbiano il possesso dei terreni a titolo di proprietà, usufrutto e affitto; in quest’ultimo caso la durata residua del contratto di affitto deve essere tale da coprire l’intero periodo vincolativo previsto (5 anni dalla data ultima prevista per la comunicazione di impianto e di fine dei lavori).

Gli interventi ammissibili per il sostegno alla ristrutturazione e riconversione dei vigneti può riguardare una o più delle seguenti tipologie di intervento:

A)   Riconversione varietale, che consiste nel reimpianto con modifica della varietà e/o sovrainnest
B)   Ristrutturazione, che consiste nel reimpianto senza riconversione varietale.
C1) Modifica della struttura di sostegno, esclusa l’ordinaria manutenzione. L’intervento deve riguardare almeno il 75% della struttura di sostegno (pali, fili, ecc) della superficie richiesta.
C2)Rinfittimento e/o rimpiazzo di fallanze all’interno di un vigneto (da min. 15% a max 30% del numero di viti)

Al fine di essere finanziati vanno comunque rispettati dei parametri minimi; se ne elencano alcuni:

  • interventi che riguardino esclusivamente la produzione di vini DOPG/DOP/IGP
  • superficie di intervento pari ad almeno 5000 metri quadrati (il limite scende a 3000 mq in caso di domanda aderente ad un progetto collettivo o per aziende con superficie vitata inferiore o uguale a 1 Ha) e massima 10 Ha
  • devono essere impiantati almeno 3000 ceppi ad ettaro
  • le uniche forme di allevamento previste sono il cordone speronato e il guyot
  • il materiale vivaistico (barbatelle, marze) deve essere delle categorie “certificato” o “standard”

Per produttori che aderiscono all’azione “estirpazione e reimpianto”, le operazioni e le spese per l’estirpazione degli impianti vitati oggetto di intervento sono ammissibili a contributo solo se realizzate e sostenute dopo il 30 settembre 2017.
Le tipologie di domanda consentite sono:

  • Con pagamento dell’aiuto anticipato per un importo pari all’80% (previa fidejussione), in questo caso la rendicontazione dei lavori deve avvenire entro il 20 giugno 2020;
  • Con pagamento a collaudo, in questo caso la rendicontazione dei lavori deve avvenire entro il 20 giugno 2018.

Sono ammissibili esclusivamente le spese sostenute successivamente alla data di presentazione telematica della domanda sul portale SIAN. Le modalità di pagamento previste sono esclusivamente bonifici e ricevute bancarie; non sono ammessi i pagamenti con assegni bancari o postali o in contanti.

La scadenza della presentazione telematica delle domande è fissata al 15 giugno 2017, la documentazione cartacea deve essere trasmessa alla Regione Umbria entro il 22 giugno 2017.

Per tutte le informazioni necessarie e per la presentazione delle domande di aiuto è possibile consultare il bando sul sito regionale o prendere un appuntamento con i nostri tecnici chiamando i numeri 0763302060 (Dott. Roberto Macchioni) e 0755970747 (Dott. Gabriele Di Zacomo)

Scarica il bando

0 650

Pubblicati i bandi, revisionati, PSR Umbria 2014-2020,  misura 4, tipologia di intervento 4.1.1. e 4.2.1. relativi alle procedure per la presentazione delle domande e la concessione di aiuti.

4.1.1 “Sostegno agli investimenti per il miglioramento delle prestazioni e della sostenibilità globali delle aziende agricole”

4.2.1 “Sostegno agli investimenti per la trasformazione, commercializzazione e/o sviluppo di prodotti agricoli”

0 771

E’ stato pubblicato il bando pubblico per interventi a favore degli agricoltori per l’anno 2017, su terreni destinati alla caccia programmata ed all’interno delle Zone di Ripopolamento e Cattura.

Beneficiari sono imprenditori agricoli singoli od associati, proprietari, affittuari o conduttori dei terreni agricoli ricadenti nei Comuni compresi nel territorio a gestione programmata della caccia dell’A.T.C. Perugia 1 ed all’interno delle Zone di Ripopolamento e Cattura dello stesso A.T.C..

SONO ESCLUSI DAGLI INTERVENTI TUTTI I TERRENI RICADENTI ALL’INTERNO DEI SEGUENTI AMBITI: PARCHI, OASI DI PROTEZIONE, FONDI CHIUSI, CENTRI PUBBLICI E PRIVATI DI RIPRODUZIONE DI FAUNA SELVATICA, ALLEVAMENTI DI SELVAGGINA, ZONE ADDESTRAMENTO CANI, AZIENDE FAUNISTICO VENATORIE, AZIENDE AGRITURISTICO VENATORIE E DEMANIO REGIONALE OVE E’ VIETATA L’ATTIVITA’ VENATORIA.

Le domande dovranno essere presentate entro e non oltre il 30 maggio 2017.
Per ulteriori informazioni
Chiara Cecchini
Confagricoltura Umbria
075 5970746
chiara.cecchini@confagricolturaumbria.it